I SEGRETI DELLE INSALATE

L’insalata che mangi non è così sana come pensi

 Non entrare in acqua con lo stomaco pieno, a chi di noi non è stato detto questo. Ecco perché se si trovano al lago, al mare o in piscina, molti di noi preferiscono mangiare un’insalata. Inoltre, d’estate vogliamo tenerci in forma e cerchiamo di mangiare cibi sani e leggeri. Le insalate però, oltre a contenere vitamine, a volte nascondono anche calorie extra. Vediamo perché.

insalata

Crostini

I piccoli cubetti di pane bianco tostato sono impregnati di olio. Quattro cucchiai contengono circa 200 calorie. Ops!
Consiglio: ordina l’insalata senza crostini quando la mangi al ristorante. Se vuoi prepararla a casa, taglia del pane integrale a cubetti, mischiali con un cucchiaio di olio di oliva e cuocili al forno per 5 minuti a 200°C.

Formaggio

Fai attenzione al formaggio con più del 45% di grassi, come il brie o il camembert.
Consiglio: meglio scegliere formaggi come mozzarella, feta o semi-stagionati. Si consiglia inoltre di consumarne circa 70 g, non di più.

Affettati

Spesso fanno parte delle insalate, se non sono addirittura l’ingrediente principale. Un’insalata a base di salame non si può proprio considerare un’insalata.
Consiglio: mangia gli affettati a parte ma non come ingrediente principale dell’insalata e tra tutti scegli il prosciutto e, come per il formaggio, 70 g sono sufficienti.

insalata

Pane

Cosa c’è di meglio che accompagnare l’insalata con un pezzo di pane? Magari una baguette con del burro o del pane bianco con dell’olio di oliva e tantissime calorie extra.
Consiglio: mangia l’insalata con 2 fette di pane o 1 panino e possibilmente integrali.

Noci e semi

Noci e alcuni tipi di semi (per esempio semi di chia) contengono proteine e acidi grassi essenziali omega 3 ma contengono anche calorie.
Consiglio: 2 cucchiai sono sufficienti per rendere l’insalata croccante al punto giusto.

Antipasti

Spesso sono verdure ma se sono sottolio non sono proprio adatti per accompagnare le insalate.
Consiglio: scola bene l’olio di pomodori, zucchine e melanzane prima di mangiarli insieme all’insalata. La dose giusta? Due cucchiai.

Olive

Sono ricche di grassi buoni, ma altrettanto caloriche.
Consiglio: opta per olive senza ripieno e aggiungine non più di 5 alla tua insalata.

insalata

Tonno

Il tonno è un componente ideale da aggiungere all’insalata e contiene molte proteine. Se in elevate quantità però, aggiunge tante calorie extra.
Consiglio: se usi il tonno in scatola, usa la versione naturale, non quella in olio di oliva.

Insalata di pasta

Soprattutto quelle già pronte, sono una bomba di calorie contenenti non solo carboidrati, ma anche maionese.
Consiglio: preparala a casa: 80 g (crudi) di pasta integrale, 2 manciate di verdure e una porzione di proteine, per es. 70 g di prosciutto, 70 g di formaggio o una confezione di tonno. Condisci con yogurt invece che con maionese.

Insalata di patate

Le patate hanno vitamine e proteine ma anche carboidrati e quando sono sotto forma di insalata hanno condimenti molto calorici. Meglio mangiarle solo come contorno.
Consiglio: fai l’insalata di patate a casa e metti solo 3 patate medio grandi per limitare i carboidrati.

Proteine fritte

Ti piace aggiungere nell’insalata dei gamberetti o del pollo fritti? Fai attenzione perché gli alimenti fritti contengono tre volte tanto le calorie di quelli non fritti.
Consiglio: ordina la versione naturale, non quella fritta.

Condimenti

A volte è il condimento a rendere calorica un’insalata. I condimenti acquistati nel negozio di alimentari o quelli preparati in ristorante contengono fino a 10 g di grasso per porzione perché sono fatti con delle creme, come crème fraîche o maionese.
Consiglio: in molti ristoranti sui tavoli ci sono sempre olio e aceto. Puoi ordinare un’insalata senza condimento o ordinare il condimento a parte e aggiungerne solo una parte.

A casa mischia senape, aceto, erbe aromatiche, yogurt e dell’olio. Si può aggiungere del limone o del succo di limone al posto dell’aceto.